Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘flats’

Il titolo di questo post è volutamente semplicistico e d’impatto, ma racchiude alla perfezione l’idea che mi ha portato a scrivere il breviario che state per leggere, un’idea forse banale, che vuole guidare chi ha deciso di investire una parte dei propri risparmi per un paio di scarpe speciali, che sia per sempre, e creato dal migliore. Voglio ripercorrere la storia di alcuni degli shoe designer più famosi e amati del mondo, facendo parlare i loro modelli più celebri, per dare a tutte la possibilità di scegliere scarpe belle e importanti, non solo perché costose, ma perché tappa di un percorso stilistico che ha lasciato il segno. E’ un processo ambizioso che non vuole essere universale, le mie scelte e le mie passioni sono in ogni foto, se volete aggiungere qualche nome fatelo pure nei commenti!

Decolletè: con questo nome ci riferiamo alle più classiche calzature da donna, chiuse e dotate di tacchi più o meno alti, e punte che variano nelle forme a seconda dell’epoca. A reinventare il più tradizionale modello di scarpa femminile è stato Roger Vivier, che nel 1947 si trovava ai piedi delle modelle vestite da Dior: è l’anno del New Look, una svolta epocale che ha portato le donne a mostrare le forme e scoprire le caviglie, portando attenzione ad un dettaglio fino  a quel giorno trascurato, le scarpe. Se volete investire in un paio di decolletè che sia eterno potete iniziare proprio da un modello Roger Vivier, senza dimenticare Salvatore Ferragamo, un grande talento che ha conquistato Hollywood e le sue star a colpi di stiletto, ma anche geni più moderni come Sergio Rossi e Casadei. La scarpa perfetta ha una punta modesta, non troppo affilata ma nemmeno tonda, una scollatura discreta e un tacco alto sottile, senza fronzoli e senza platform: ricordate che è la semplicità a rendere eterno un accessorio. Per i colori, puntate sui vostri preferiti: mi sento solo di bandire i tessuti broccati troppo lavorati perché stancano presto.

Roger Viver:

Salvatore Ferragamo:

Sergio Rossi:

Casadei:

Come avrete sicuramente notato, ogni shoe designer citato ha posto la sua firma sulle sue creature: la fibbia rettangolare di Vivier, il fiocco Vara di Ferragamo, il tacco a stiletto puro di Rossi e la punta assassina di Casadei.

Ballerine: la versione comoda delle decolletè, l’aspetto infantile spesso trae in inganno un occhio poco esperto, Brigitte Bardot ha sedotto il mondo con queste scarpine ai piedi, e lo stile di Audrey Hepburn non sarebbe stato lo stesso senza le ballerine, non trovate?

Queste scarpe nascono proprio come omaggio al mondo della danza, come suggerisce il nome, quindi parlando di acquisti a tema non posso non menzionare due marchi specializzati, Porselli e Repetto. Se l’aspetto “sportivo” vi sembra eccessivo puntate su MiuMiu, ogni anno propone ballerine deliziose, stesso discorso per Salvatore Ferragamo. Impossibile non citare anche i modelli Chanel, semplici ma eterni, come il mito di Mademoiselle Coco. Di gran moda tra le giovanissime le ballerine Tori Burch; strizzano invece l’occhio al mondo del low cost di qualità i deliziosi modelli di Anna  Baiguera, sembrano caramelle da scartare e collezionare.

Porselli:

Repetto:

MiuMiu:

Salvatore Ferragamo:

Chanel:

Tori Burch:

Anna Baiguera:

Scarpe gioiello: fino a qualche anno fa erano considerate scarpe da soubrette, adatte solo a chi aveva a che fare con telecamere e studi televisivi, poi è arrivata Shoegal, che ha iniziato ad abbinare sandali Caovilla anche ai jeans, e i sandali gioiello sono diventati scarpe da tutti i giorni. Fermatevi: sto scherzando!! Però in tutto questo c’è una piccola verità: da qualche anno le scarpe tempestate di pietre preziose e lustrini si vedono ovunque, forse troppo, anche nella vita di tutti i giorni. Io credo che il segreto sia nel sapere dosare, come in tutte le cose: via libera a strass e gemme, abbinati con sobrietà ed eleganza. Su chi puntare per il grande acquisto?

Al primo posto c’è ovviamente Renè Caovilla, re delle calzature gioiello; altri nomi importanti sono Loriblu, Stuart Weitzman, amato dalle star di Hollywood, Giuseppe Zanotti, Le Silla e Christian Louboutin, con riserva. Con riserva perché ancora non ho capito quanto ci sia di buono dietro lo stile patinato delle suole rosse: le scarpe sono splendide, non lo nego, ma ancora manca uno stile che classifichi una suola rossa come “eterna”. Al momento è la suola a fare la scarpa, e per quanto mi riguarda c’è qualcosa di perverso in questo!

Renè Caovilla:

Loriblu:

Stuart Weitzman:

Giuseppe Zanotti Design:

Le Silla:

Christian Louboutin:

Stivali: ogni moderna catwoman ha i suoi stivali speciali, che la tengono calda in inverno senza farla sentire meno femminile. Scegliere soltanto alcuni shoe designer è stato molto difficile, al momento non c’è un nome a cui penso immediatamente se rifletto sugli stivali, voi avete qualche idea? Intanto non posso non menzionare, di nuovo, Sergio Rossi e Casadei, per la donna che non deve chiedere mai; anche El Vaquero produce stivali di qualità, i modelli da cowgirl spesso costano più della metà di uno stipendio medio ma pare durino per sempre.

Sergio Rossi:

Casadei:

El Vaquero:

Ora passerò velocemente a tre modelli di scarpa che studio quasi con indifferenza, ma siccome si deve essere preparati su tutto ho deciso di dedicargli un piccolo spazio, non sbadigliate, vi controllo!

Mocassini: le classiche scarpe da guida, non mi piacciono ma la loro storia ci riporta ad un’epoca così romantica che non è possibile non palpitare. I modelli più famosi sono quelli di Car Shoe e Tod’s, casual e chic, importanti anche quelli in pelle di Gucci, dotati di immancabile horsebit.

CarShoe:

Tod’s:

Sneakers: quest’anno gli occhi di tutte noi hanno brillanto davanti al modello glitter di MiuMiu, ma le sneakers da città per eccellenza sono le Converse, che purtroppo non riesco a sopportare per più di dieci minuti, accompagnate dalle Hogan, che non riesco a sopportare neanche in foto! Carini i modelli colorati di Serafini, ancora poco inflazionati:

Converse:

Hogan:

Serafini:

Credo di aver detto il necessario, per il superfluo c’è sempre tempo 😉

Read Full Post »

Nel lontano (sigh) 1986 Madonna cantava “Open your heart to me, baby, I hold the lock and you hold the key”, canzone che si adatta alla perfezione alle ballerine proposte da Pretty Ballerinas per l’inverno 2012:

Realizzate in vernice nera o rossa, sono decorate con una chiave che poggia sul piede destro e una serratura a forma di cuore che decora la tomaia del piede sinistro: queste ballerine mi hanno subito fatto pensare al film “Alice in Wonderland”, è la chiave ad aver creato il collegamento, anche se forse l’idea di Pretty Ballerinas vuole essere più romantica.

In vendita su Forzieri, queste deliziose scarpine costano 179 Euro; se volete regalarle non dimenticate di chiedere di incartarle, io sceglierei la carta maculata e il nastro bianco, magari inebriati da una leggera fragranza di vaniglia e cannella!

Read Full Post »

Il freddo è arrivato, e bisogna cominciare a pensare alle scarpe giuste da indossare in caso di pioggia o neve: quante di voi sceglierebbero questi rain boots Valentino?

 

Biker boots nella forma, nella scelta della suola spessa e della fibbia argentata, ma come commentare quel fiocco legato all’altezza della caviglia? Io trovo che stoni con tutto il resto, con la fibbia in particolare: se al posto di quest’ultima ci fosse stato un secondo fiocco, magari più piccolo, l’effetto finale sarebbe stato più coerente.

Tra l’altro dei biker apprezzo proprio lo stile un pò maschile, da rockstar anni ’70, quindi preferisco un modello con troppo hardware ad un ibrido indefinito. Questi stivali sono realizzati in gomma, appartengono all’attuale collezione di Valentino, e costano $195.

Read Full Post »

In queste ultime settimane ho dato vita ad una nuova abitudine serale: dopo una massacrante giornata di lavoro e una doccia meravigliosa e lunghissima, munita di portatile sulle gambe (che caldo che fa) inizio a surfare su ebay in cerca di occasioni imperdibili. Ho trovato diversi modelli Caovilla bellissimi (il cuore mi porta sempre lì, abbiate pazienza), ma purtroppo nessuno del mio numero, poi mi si è aperto un piccolo angolo di presunto paradiso; ho scoperto che esistono diversi negozi virtuali che rivendono scarpe usate (ma anche borse, abiti, gioielli, YAWN)  dalle star a prezzi davvero competitivi.

Sono certa che molte di voi già conoscono questi siti, ma io non sono mai stata una grande fan di ebay, quindi li ho scoperti solo ora, e devo dire che se davvero vendono oggetti originali siamo davvero a rischio 😉

Il più interessante che ho trovato è “Celebrity Owned“, uno store che offre un servizio apparentemente eccellente che mi ha fatto venire in mente un libro da femminuccia che si chiama “I Love Shopping” (di Carmen Reid); nel libro la protagonista, Annie, è una personal shopper che si dedica anima e corpo al suo lavoro in un negozio chic di Londra, ma gestisce anche un negozio ebay in cui rivende abiti e accessori firmati. Lo staff di Celebrity Owned non ci racconta dove e come raccoglie gli oggetti che poi trovano spazio nel web, ma garantisce l’autenticità di quanto messo in vendita, e in effetti i feedback sembrano confermare tutto questo. A me personalmente non importa sapere che i sandali che vedo nel sito sono stati indossati da una star, mi interessa che siano in eccellenti condizioni, oltre che originali e venduti ad un prezzo accettabile, siete d’accordo? Non credo che si tratti davvero di accessori salvati dai guardaroba di attrici e cantanti stanche di indossarli, perché solitamente le suddette le vendono per beneficenza ricavando tanta pubblicità, ma mai dire mai! Ad essere sincera, guardando le varie scarpe proposte, ho cercato di immaginare quale star le avesse indossate, ma il gioco è durato poco, preferisco concentrarmi sui miei piedi e sulla loro vestizione. Non ho ancora deciso se e cosa acquistare, ma il progetto mi incuriosisce parecchio, ecco qualche modello che ha attirato la mia attenzione, ovviamente nel sito ci sono scarpe per tutti i gusti e per tutte le misure, fateci un salto!

Renè Caovilla

Manolo Blahink:

Chanel:

Louboutin:

Un altro sito che offre un servizio simile è VipConsignment, meno sviluppato dell’altro ma comunque ricco di interessanti tentazioni che si presentano sotto forma di scarpe, ma non solo!! I prezzi sono piuttosto alti e le foto sembrano professionali, diciamo che per un primo acquisto mi fiderei più di Celebrity Owned, ma guardare non comporta rischi.

Dior:

Louboutin per Marchesa (sono un 41 ma costano uno sproposito, guardare ma non toccare ladies!):

Prada:

Read Full Post »

So che in questi giorni fa di nuovo un caldo tremendo, ma da qualche tempo la domanda che fa da titolo al post mi gira in testa, così ho pensato di chiedere a voi la vostra opinione in merito; da qualche anno gli stivali da motociclista, privi di tacco, in pelle nera, spesso muniti di fibbie o borchie, sono diventati protagonisti dell’inverno (anche dell’estate per alcune ragazze, ma non costringetemi ad aprire il file), complici star come Kate Moss e SJP che ne hanno fatto un autentico stile di vita:

Per me è difficile considerare “scarpe” i modelli non dotati di tacco, ma questi stivali mi attirano, è colpa dell’allure grunge, il prossimo inverno cederò al loro fascino senza dubbio, voi che ne pensate? Trovo che siano un’indispensabile alleato in caso di pioggia scrosciante e freddo, anche se vanno abbinati con cautela, soprattutto se il modello scelto è particolarmente rock, come questo, firmato Jimmy Choo:

Perfetti con leggings e skinny jeans, fanno a pugni (secondo me) con shorts inguinali, soprattutto se indossati in estate, senza calze: voi come li vedete?

Read Full Post »

Agosto è per me un mese lento, molto lento, per fortuna ci sono le nuove collezioni da studiare in vista dei primi freddi! Oggi dedicherò un post piuttosto lungo a Luciano Barachini, brand che apprezzo molto, che anche per il prossimo inverno ha presentato due diverse linee: una più classica che porta il nome del brand e la linea gioiello, chiamata semplicemente Barachini.

I modelli che compongono la brochure Luciano Barachini nascono per soddisfare la voglia di eleganza e di comodità di ogni donna, da quella che corre per tutto il giorno su un tacco a spillo maculato (ehm, eccomi) a quella che preferisce tacchi più bassi ma scarpe trendy e originali. Per molte di noi l’inverno ad un certo punto diventa noioso, vestirsi e sentirsi bene quando il freddo si fa serio non è sempre facile, ma tutte sappiamo che un paio di scarpe o stivali speciali possono fare la differenza. Vediamo quindi i vari modelli, realizzati in cavallino, vitello o pelli stampa rettile, e arricchiti da fibbie a contrasto, nappine e dettagli in pelliccia, per rendere protagonista dell’inverno ogni donna, dalla più romantica alla più sfacciata:

 

decolletè leopardata barachini autunno 2011 2012

Di diversa impostazione invece la linea gioiello, perfetta per le fredde serate invernali in cui abbiamo bisogno di splendere come dive: a fare da protagoniste sono calzature con inserti in tessuto metallizzato, cristialli luminosi e maxi platform spesso ricoperti di brillanti gemme. I tacchi, altissimi da vere super tramper, sfidano la forza di gravità, e pongono la donna che li calza sotto i riflettori: la linea “Barachini” si conferma ancora una volta la mia preferita, dai sandali per le più coraggiose che sfidano il freddo in nome della seduzione, alle decolletè da star tempestate di cristalli, passando per l’immancabile serpente, che anche quest’anno si è attorcigliato alla caviglia di un bellissimo ankle boot spuntato. Stranamente adoro anche tutte le ballerine, iper femminili e preziose, una collezione davvero splendida:

barachini decolletè gioiello 2011 2012

Read Full Post »

Marc Jacobs e le flats borchiate

Sono certa che tutti voi abbiate già visto le foto della nuova versione delle celebri ballerine Mouse di Mark Jacobs, per questo oggi non mi limito a presentarle, ma vorrei chiedere una vostra opinione in merito:

Si tratta di classiche ballerine in pelle nera, che sulla tomaia ospitano il musetto di un topo; il dettaglio dell’hardware dorato è una new entry della collezione A/I 2011/2012, quello che volevo sapere da voi è molto semplice: le comprereste (tralasciando i motivi legati al prezzo)? Io, personalmente, le trovo molto infantili, mi piace giocare con le scarpe, amo gli animali, ma mi sentirei ridicola a calzare un paio di flats simili; preferisco senza dubbio questa versione rock a quella classica, ma rimango perplessa davanti a questo modello che ha comunque avuto molto successo. Le ballerine per me sono le classiche “scarpe da battaglia”, un paio serve sempre, ma mi piacciono semplici, gli unici dettagli strong che posso concepire sono un fiocco più grande del solito, o una lavorazione particolare, ma il musetto di un topo mi sembra davvero troppo, sono  l’unica a pensarla così!?

Read Full Post »

Voglio iniziare questa settimana dedicando un post ad uno dei pochi marchi specializzati nella produzione di scarpe eco-compatibili, per dare una sferzata di autostima agli eco-nerd che passeranno di qui: essere glamour nel rispetto della natura è possibile, e con Beyond Skin è anche colorato e divertente!

Beyond Skin è un marchio inglese, nato nel 2011 dal profondo desiderio di poter finalmente dare vita ad una collezione di scarpe cruelty free piacevoli da indossare, belle e alla moda; l’obiettivo è stato raggiunto, ma ci sono voluti ben due anni per trovare la fabbrica giusta che garantisse standard qualitativi accettabili per l’anima vegan che giace dietro il progetto. Negli anni, non senza difficoltà, il marchio è cresciuto grazie anche ad un’ambasciatrice d’eccezione, Natalie Portman, che non ha mai nascosto di indossare solo accessori vegani. Ad oggi le scarpe Beyond Skin sono prodotte sotto il sole di Alicante, in Spagna, e vengono vendute in tutto il mondo, anche tramite il sito: appena avrò scelto un modello tra le tante tentazioni giuro che lo acquisterò e vi farò sapere se davvero si tratta di scarpe morbide e durature come le sorelle in pelle, anche se al momento non ho motivi per dubitarlo!

Read Full Post »

Da bambina adoravo le ballerine glitter, avevano quel tocco magico che mi faceva sentire speciale; perché non ricreare la stessa atmosfera anche oggi, scegliendo abbinamenti meno infantili? Guardate queste Pretty Ballerinas con  rosa, non sono adorabili?

ballerine glitter

Con un paio di scarpe così bastano un paio di jeans e un top semplice per essere perfette per una passeggiata in centro o un aperitivo al mare.

Read Full Post »

E così anche questo contest è giunto al termine, è nato per gioco ma credo che ricordare e condividere certe giornate storte c abbia fatto bene, siete d’accordo? Ringrazio tutti i partecipanti, ogni racconto mi ha fatto ridere e mi ha portato alla mente avventure simili vissute da me in prima persona o da amiche sofferenti, la passione per i tacchi alti non conosce limiti, nemmeno il dolore!

Mai come questa volta scegliere la vincitrice è stato difficile, ho davvero apprezzato ogni storia, ogni vostro ricordo legato ad un accessorio così femminile  e letale come solo una bella scarpa può essere, ma ho dovuto scegliere solo una di voi, quindi congratulazioni a …. Veronica! Sottolineo che non ha vinto perché è nata il 5 Giugno come me, la sua storia mi ha davvero fatta ridere tantissimo. Ecco qui il suo intervento, per rileggere tutti gli altri racconti cliccate qui:

“Spagna, estate di qualche anno fa, vacanza con le amiche: un pomeriggio, mentre siamo in spiaggia, una delle amiche, allegramente appollaiata su uno scoglio, viene toccata da una medusa sul sedere… dopo esserci sadicamente godute qualche attimo di contorcimento di quella poveraccia abbarbicata sul suddetto scoglio, decidiamo di portarla nel centro di primo soccorso situato ovviamente da tutt’altra parte rispetto alla zona spartana e naturalistica dove eravamo noi… Partiamo, ma ad un’altra mia amica, famosa per essere “lamentosa”, si rompono accidentalmente le infradito durante la risalita per raggiungere il lungomare… ovviamente inizia il lamento “L’asfalto brucia, come farò, andate pure senza di me, morirò qui….”, al che decido di cederle i miei sandali e di stare scalza… così attraversiamo mezzo paese sotto il sole cocente (e nessun, dico nessun negozio aperto), dopo di che, con i piedi che gridavano pietà, ho dovuto cercare di spiegare al bagnino, nel mio ottimo spagnolo, cosa era successo alla mia amica, anche se forse oramai avevo più bisogno io di una cura per le ustioni di millemillesimo grado che avevo sui piedi… In quel momento avrei venduto mia madre, il mio moroso e anche qualche paio di scarpe (forse, mmmh non lo so, non bastano madre e moroso?) perchè un paio di ballerine scendessero dal cielo….. E, per inciso, l’amica a cui avevo prestato le scarpe si è quasi lamentata perchè i miei sandali le stavano un po’ grandi… Non posso rendervi partecipi della mia reazione… :-) Questa è una delle tante occasioni in cui le scarpe (in questo caso le NON scarpe) mi hanno fatto rimpiagere il fatto di essermi alzata dal letto quella mattina!!!!”

 

Prossimamente spero che Veronica vorrà condividere con noi l’arrivo delle sue FootzyRolls, non vedo l’ora di scegliere il colore, intanto vi lascio con una foto delle mie, dorate, mi hanno salvato la vita più volte a Malta, tra rocce e pioggia caraibica a sorpresa:

ballerine footzyrolls flats

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »